ARTE-Seconde_E_I_LSS Leonardo da Vinci

PER LA 2I - Ragazzi, riporto qui la risposta che ho inviato ad un vostro collega che chiedeva a cosa ci si riferiva parlando di "categorie estetiche" dell'arte greca (una bella domanda). Metto, per tutti qui, a disposizione quanto a lui precisato: Le categorie estetiche si riferiscono a quanto detto sull'amore dei Greci nei confronti della "regola", delle corrette proporzioni nell'organizzazione delle singole parti, spesso associate secondo il principio della "simmetria" in modo da raggiungere "l'armonia", un insieme equilibrato. La bellezza deriva da questo accordo. Come ti sembra un volto con un occhio più basso di un altro, un ovale irregolare, una bocca troppo grossa? Brutto no? Parliamo di questo e di quanto tutto ciò, i Greci lo imparano dalla natura.... Le categorie estetiche fondanti dell'arte greca si riferiscono ai principi della “simmetria”, dell' “armonia”, dell' “euritmia”, ottenute grazie all'elaborazione di un “canone”, consistente in precise regole proporzionali, rapporti proporzionali. Chi ha stilato questo Canone?